Come impresa specializzata nelle impermeabilizzazioni a Milano e provincia ci troviamo sempre più spesso a intervenire nell’ambito della realizzazione di giardini pensili, ossia di particolari tipologie di verde che non vengono coltivate sul classico terreno, quanto piuttosto su terrazze e coperture (ossia tetti) degli edifici.

L’impermeabilizzazione dei giardini pensili è un’attività per noi sempre più diffusa perché, di fatto, negli ultimi anni è aumentata la necessità di poter beneficiare di aree verdi anche in luoghi che non sono naturalmente predisposti alla presenza di alberi, piante e arbusti, come ad esempio i centri cittadini o i luoghi fortemente urbanizzati. L’esigenza di installare – e dunque impermeabilizzare – giardini pensili è legata, tra l’altro, anche all’imperativo di ridurre l’impatto del riscaldamento globale attraverso soluzioni intelligenti e sostenibili, sia quando si tratta della realizzazione di nuovi edifici che della riqualificazione di immobili preesistenti.

I vantaggi dei giardini pensili 

I vantaggi dei giardini pensili sono sia di tipo ecologico che economico. Prima di tutto, la presenza di un “green roof” riduce gli effetti degli agenti atmosferici e migliora la qualità abitativa dell’edificio, poiché la presenza di verde naturale riduce la propagazione del calore nei mesi più caldi (ossia isola termicamente) e, contestualmente, protegge dall’azione della pioggia e della neve. I giardini pensili sono anche ottimi isolanti acustici, perché il substrato di vegetazione contribuisce ad assorbire le onde sonore a differenti frequenze.

Particolare di certo non trascurabile è poi quello di contribuire a una migliore qualità dell’aria: piante e alberi agiscono in questo senso in vari modi, sia filtrando l’inquinamento urbano attraverso la fotosintesi e dunque riducendo la quantità di anidride carbonica presente nell’atmosfera, sia “fissando” le particelle di polvere ed evitandone l’ulteriore propagazione. A questi vantaggi vanno sommati l’aumento del rendimento dei pannelli fotovoltaici eventualmente installati in copertura, grazie alle temperature superficiali minori e più costanti, la corretta regimazione idrica risultato dell’assorbimento e lento rilascio delle acque meteoriche da parte del terreno e della vegetazione, il risparmio economico garantito dalla diminuzione del fabbisogno energetico per il raffrescamento estivo dell’edificio e, di conseguenza, anche l’incremento del valore dell’immobile nel suo complesso.

Infine, è bene ricordare che i giardini pensili sono importantissimi per limitare il fenomeno delle isole di calore, per favorire il naturale insediamento di ecosistemi animali (e dunque tutelare la biodiversità) e persino per filtrare l’acqua piovana inquinata.

In questo contesto, e vista la crescente sensibilità per la realizzazione di spazi urbani più verdi, risulta quindi facile capire perché l’impermeabilizzazione dei giardini pensili sia diventato uno dei nostri servizi più richiesti!

Impermeabilizzazione dei giardini pensili: uno step fondamentale 

Tipicamente, i giardini pensili si suddividono in due diverse categorie in funzione dello spessore di substrato richiesto, che richiederà pertanto diversi carichi in copertura – variabili anche a seconda della vegetazione presente – e diversa manutenzione.

Avremo quindi coperture a verde intensivo con spessori dai 7 ai 15 centimetri, ossia il minimo indispensabile per la crescita del sedum (una particolare specie vegetale), e in grado di assicurare i benefici del giardino pensile riducendo al minimo il suo impatto sulla struttura. Tale soluzione ha un peso relativamente ridotto, variabile dai 60 ai 250 chilogrammi su metro quadrato, e richiederà una limitata manutenzione.

In alternativa, è possibile realizzare coperture a verde intensivo con spessori di substrato variabili tra i 30 e gli 80 centimetri, necessari alla crescita di manto erboso, alberi e arbusti. Gli spazi così realizzati sono molto fruibili, ma necessitano chiaramente di un’attenta e continua manutenzione anche in relazione ai carichi che generano sulla struttura (dai 300 ai 2000 chilogrammi su metro quadrato).

Quale che sia la scelta di giardino pensile, il progetto potrà essere soddisfacente tanto dal punto di vista estetico quanto da quello della performance soltanto previo uno studio preliminare attento al quale seguiranno una realizzazione e un’impermeabilizzazione efficaci.

Bisognerà in questo senso considerare i diversi fattori di rischio che potrebbero ad esempio intaccare l’isolamento della struttura: tecnici specializzati come quelli che operano in Milano Asfalti sapranno valutare con cura le condizioni del sito e definire quale tipo di soluzione sia più adatta per un’impermeabilizzazione a regola d’arte.

È infatti necessario tenere presente che un’errata progettazione del giardino pensile potrebbe tradursi in un’impermeabilizzazione non accurata o scarsamente performante: al contrario, i materiali isolanti e impermeabilizzanti per il verde intensivo non sono un fattore da cui è possibile trascendere, e andranno sempre scelti per la loro elevata qualità.

Il ruolo dell’impermeabilizzazione nella realizzazione di un giardino pensile è in definitiva cruciale: se, da un lato, terrazze e coperture devono infatti poter smaltire rapidamente l’acqua, dall’altro i giardini pensili dovranno poterne trattenere una parte per nutrire il verde presente sulla superficie. Il manto di impermeabilizzazione dovrà quindi essere realizzato tenendo in considerazione questa importante differenza.

Diversamente dalle tradizionali guaine ardesiate impiegate per smaltire l’acqua dai tetti tradizionali, nell’impermeabilizzazione di un giardino pensile dovranno quindi essere impiegate particolari membrane e sistemi che assicurino la crescita del manto erboso e delle piante senza che lo strato impermeabile sottostante venga lacerato o danneggiato, e dunque evitando pericolose infiltrazioni d’acqua all’interno dell’edificio. Ovviamente, lo strato impermeabile dovrà coprire l’intera superficie su cui è installato il verde intensivo, dal punto più alto fino allo scarico in grondaia.

I nostri sistemi di impermeabilizzazione per giardini pensili 

Perché il giardino pensile sia realizzato a regola d’arte, è necessario che il suo sistema di impermeabilizzazione rispetti specifici requisiti:

  • Tenuta all’acqua e al battente idraulico.
  • Resistenza all’azione delle radici, sia sulla superficie corrente che in corrispondenza di sovrapposizioni e saldature.
  • Elevata stabilità dimensionale e basso coefficiente di dilatazione termica, in modo da evitare danneggiamenti meccanici risultato dell’eccessivo movimento dell’elemento di tenuta.
  • Alta resistenza meccanica conferita dall’armatura interna.
  • Buona flessibilità a freddo, che corrisponde anche a una lunga durata nel tempo e a un’elevata qualità.

Come impresa specializzata, Milano Asfalti ha scelto diverse soluzioni per l’impermeabilizzazione dei giardini pensili dei tanti clienti a Milano e relativa provincia che hanno scelto di installare tetti e terrazze verdi sui loro edifici.

La prima è la creazione di un sistema tetto verde con l’ausilio di membrane bituminose con additivo antiradice: si tratta di una soluzione che comporta l’applicazione di due differenti strati impermeabilizzanti sovrapposti (e nello specifico di due membrane bituminose) e che viene tipicamente impiegata nella realizzazione di Green Roof. Tale soluzione prevede anche la presenza di una barriera a vapore sull’intera superficie, con l’obiettivo di limitare appunto l’ingresso del vapore acqueo nell’elemento isolante e salvaguardarne le caratteristiche. Il geocomposito drenante servirà invece a favorire la raccolta e lo smaltimento dell’acqua (sia essa piovana o di irrigazione) pervenuta all’interno del sistema di copertura.

La seconda è la realizzazione di un sistema tetto verde con manti sintetici, una soluzione che assicura diversi vantaggi: non soltanto lo strato risulterà più resistente grazie alla termofusione, ma anche estremamente efficace per ottenere un giardino pensile correttamente impermeabilizzato e rigoglioso. Anche questo sistema prevede la presenza di una barriera a vapore, mentre l’impermeabilizzazione sarà garantita dalla presenza di un manto impermeabile sintetico realizzato in poliolefine flessibili TPO/FPO e da un geocomposito drenante per la raccolta e lo smaltimento dell’acqua, sul quale verrà posato il terreno di coltura secondo lo spessore previsto dal progetto.

Possiamo inoltre proporre sistemi modulari prevegetati per la realizzazione di giardini pensili per i quali è richiesta minima manutenzione: si tratta di soluzioni realizzate con vaschette drenanti molto leggere e già complete di vegetazione, posabili come semplici quadrotti e facilmente rimovibili per l’ispezione della copertura.

Puoi rivolgerti ai nostri specialisti in ogni momento per ricevere subito una consulenza o un preventivo per l’impermeabilizzazione dei tuoi giardini pensili a Milano e in tutta la provincia.

WhatsApp chat